Le forme del tempo nelle vicende modificative della legge penale

Dario Micheletti

Articolo

SOMMARIO   1. Le molteplici dimensioni temporali della norma penale. — 2. L’esistenza: il tempo dell’appartenenza all’ordinamento. — 3. La vigenza: il tempo della obbligatorietà. — 4. L’efficacia: il tempo della rilevanza giuridica. — 4.1. Il tempus commissi delicti e la determinazione della irretroattività vietata. — 4.2. Il tempo processuale: l’applicabilità. — 4.3. Le uniche due forme di efficacia temporale della norma penale: contemporaneità e retroattività favorevole. — 4.4. L’ultrattività: nulla più di un equivoco. — 5. Le vicende intertemporali della norma penale. — 5.1. La stabilità. — 5.2. Mutamenti normativi di disposizioni inalterate. — 5.2.1. La proiezione. — 5.2.2. L’interpretazione evolutiva. — 5.3. Mutamenti normativi conseguenti a variazioni della disposizione. — 5.3.1. Variazioni di valore. — 5.3.2. Variazioni fattuali. — 5.3.3. Modifiche tecnico-penalistiche. — 5.3.4. Modifiche politico-criminali.

Il contributo è destinato alla pubblicazione nel prossimo volume di Criminalia ed è soggetto ai criteri di peer review ed alle esclusioni dal sistema di valutazione della Rivista.